Chi siamo

Costituitosi il 15 ottobre 1957 (atto costitutivo), il Sindacato Provinciale Mercanti d'Arte Antica della Provincia di Milano ha perseguito l'obiettivo di coordinare, armonizzare e difendere gli interessi della categoria.
Attraverso i Presidenti ed i Consigli Direttivi che si sono succeduti negli anni, il Sindacato si è evoluto di pari passo con la società e con lo sviluppo associativo nella rappresentanza del settore e nei servizi messi a disposizione degli Associati.

Il Sindacato si è costantemente impegnato nella diffusione della cultura e dell'arte grazie ad iniziative, convegni, incontri ed eventi che hanno coinvolto rappresentanti delle Istituzioni, esponenti delle Forze dell'Ordine, critici e storici dell'arte, consulenti e specialisti nei vari campi artistici, professionali, manageriali.
L'azione del Sindacato si è concentrata sugli aspetti etici della professione al fine di perseguire il compito di essere - per la collettività - fonte di educazione all'arte e nel contempo di garantire la qualità e l'autenticità degli oggetti commercializzati, riducendo i rischi di atti e transazioni illeciti o di incauti acquisti.
Il Sindacato ha patrocinato le diverse edizioni della Mostra degli Antiquari Milanesi, allestita annualmente in autunno.

I principi ispiratori del Sindacato, riassumibili nella estrema sensibilità al mondo dell'arte e concentrati nei confronti della deontologia professionale, hanno contribuito al perenne aggiornamento degli Antiquari aderenti che si sono dimostrati in grado di adeguare l'attività alle richieste del mercato, di migliorare le performance e di supportare fattivamente la raccolta di fondi per restauri di opere o per iniziative legate alla valorizzazione e fruizione di beni culturali.

L'Assemblea degli Associati ha approvato nell'Aprile 2007 il nuovo Statuto sociale e modificato la denominazione in Associazione Antiquari Milanesi,  un nome che in modo preciso identifica dei professionisti dell'arte che trattano numerosi generi e possono rispondere ad ogni esigenza della clientela grazie a tipologie e specializzazioni di vari livelli.
Il percorso iniziato negli Anni Cinquanta ha trovato la sua logica evoluzione nelle finalità che caratterizzano l'Organizzazione e che vengono ribadite all'art. 2 dello Statuto "l'Associazione promuove il valore dell'arte e della cultura. Persegue lo sviluppo del settore e considera risorsa fondamentale l'evoluzione della tutela del patrimonio artistico-culturale".